Solo se conosci i tuoi obiettivi puoi raggiungere la felicità finanziaria

“Quali sono i tuoi obiettivi?”

Quando faccio questa domanda, 9 volte su 10, parte una carrellata di risposte che suonano più o meno così:

“Vorrei vivere meglio”

“Vorrei essere ricco”

“Vorrei avere più soldi”

“Vorrei essere libero”

Al massimo, i più decisi sostituiscono vorrei con voglio.

Beh, mi dispiace deluderti, ma questi non possono definirsi seriamente OBIETTIVI.

Partiamo da un presupposto: un obiettivo, per potersi definire tale, deve soddisfare almeno 3 requisiti fondamentali:

1. Deve essere specifico

Ad esempio: un obiettivo potrebbe essere quello di acquistare una nuova auto.
Oppure di comprare casa.

Magari hai dei figli: quindi potresti porti come obiettivo quello di mandarli ad una scuola privata. Oppure di avere i soldi necessari per fargli frequentare l’università.

O ancora potresti avere come obiettivo quello di raggiungere una certa somma per trasferirti, per aprire un’attività. Per lasciare il tuo lavoro, o magari solo per concederti una vacanza in più all’anno.

Spesso, in realtà, si tratta di una combinazione di più obiettivi.

Ecco come diventa lampante che gli obiettivi non sono MAI finanziari, ma rispondono ad un’esigenza specifica di vita.

Ognuno ha i suoi, e spesso sono molto diversi da quelli di tutti gli altri che ha intorno.

Ed è per questo che dire “voglio diventare ricco”, non ha senso.

Cos’è che vuoi raggiungere realmente?
Cosa ti renderebbe felice?

Ricorda sempre:
Gli obiettivi finanziari che ti devi porre sono SEMPRE e SOLO a sostegno degli obiettivi di vita. Perché sono questi ultimi che rendono la tua vita degna di essere vissuta.

Ed è per questo che in Investment Academy non parliamo MAI di ricchezza, ma di felicità finanziaria.

2. Deve essere realistico

Cioè non ha senso porsi come obiettivo quello di acquistare un castello tra un anno, ad esempio, se non hai già una buona disponibilità finanziaria.

Porsi degli obiettivi realistici aiuta a raggiungerli.
Al contrario, se vedi la meta come irraggiungibile, mollerai facilmente la presa, anche dove, magari, potresti farcela.

3. Devi darti un tempo entro cui raggiungerlo

Avere chiari i tempi ti permette di pianificare al meglio le azioni necessarie da intraprendere per arrivare al traguardo.

Perché, ad esempio, le azioni che si porteranno avanti per raggiungere 50k in 7 anni (necessari ad esempio per acquistare l’auto nuova), saranno certamente diverse da quelle necessarie per raggiungere la stessa cifra in 3 anni.

Non sei d’accordo?

Ora che abbiamo chiarito che cosa si intende per OBIETTIVO, appare molto più semplice comprendere che in base a cosa vuoi realizzare (e  in quanto tempo), ma soprattutto in base alla tua propensione al rischio e al tuo capitale di partenza, dovrai compiere azioni specifiche.

Che saranno diverse da quelle del tuo collega magari.
Dei tuoi genitori, o del tuo vicino di casa.

Perché avranno desideri, tempi, propensione al rischio e capitale di partenza differenti.

Questo è il motivo per cui conoscere a fondo cosa vogliamo, oltre che la nostra condizione di partenza, sia economica che emotiva (voglio rischiare di più/voglio rischiare di meno), ci permettere di pianificare la strategia necessaria per realizzare davvero i nostri desideri.

Come potresti mai realizzare un “Voglio diventare ricco?”

Quale strategia potresti mai attuare senza conoscere i dati di partenza?
Oltretutto, rischieresti di omologarti sui desideri di qualcun altro, che molto probabilmente non ti renderebbero felice.

Di certo invece, disperderesti moltissime energie, perché non avresti contezza dei modi e dei tempi, né effettivamente di quello che stai facendo.

Questo è il motivo per cui nella nostra scuola prendiamo fortemente le distanze da tutte le promesse altisonanti come “Diventa ricco in 30 giorni”, oppure “Massimo guadagno, senza rischiare” (sappi che è tecnicamente impossibile).

Sono, purtroppo, claim che possono fare breccia su persone che attraversano magari un periodo di difficoltà, ma che alla fine le introducono in circuiti poco virtuosi, in cui l’unico ad arricchirsi, spesso, è il sedicente “formatore”.

Allo stesso modo, non condividiamo l’utilizzo del ”portafoglio copia-incolla” come arma segreta e punto di arrivo di un percorso di educazione finanziaria.

Intendiamoci: non siamo affatto contro il portafoglio copia-incolla.

In primis perché comprendiamo che rappresenta un vantaggio reale per chi è alle prime armi: poter copiare le strategie testate e comprovate di qualcun’altro è certamente più saggio che buttarsi a capofitto rischiando di perdere soldi a gran velocità.


Ma è chiaro che un qualsiasi portafoglio azionario, per quanto performante, è costruito sulle esigenze di qualcuno.
I titoli vengono inseriti e le strategie scelte variano in base a dei criteri e a degli obiettivi che si cerca di standardizzare, ma che volente o nolente saranno tarati sugli obiettivi e la propensione al rischio di qualcun’altro. Ovvero quelli di chi ha costruito il portafoglio che si va a copiare, appunto.

In sostanza, può essere un OTTIMO punto di partenza, per iniziare a guadagnare da chi ne sa più di te, ma la strategia vincente è quella di imparare a costruire il proprio portafoglio personale, scegliendo azioni e strategie in base alle proprie esigenze, al proprio punto di partenza, e al capitale iniziale.

Quindi, cosa devi fare?

Prendi carta e penna e segnati gli obiettivi e i tempi in cui vorresti realizzarli.
Solo dopo potrai iniziare un vero percorso educativo che ti permetta di pianificare un percorso tarato appositamente per te, come un abito cucito su misura, che ti porteranno verso la tua felicità finanziaria.

Mentre studi, inizia a risparmiare. Perché non potrai mai essere un buon investitore senza essere prima un ottimo risparmiatore.

Ricordati sempre, inoltre, di non trascurare MAI la protezione e la prevenzione, assolutamente fondamentali nella vita di qualsiasi persona, e che tuteleranno te e i tuoi cari negli eventuali periodi più bui della vostra vita.

Vuoi saperne di più?
Leggi subito questo articolo: ti servirà a capire da dove partire:
https://investmentacademy.it/paga-te-stesso-la-regola-del-10-percento/

Giulia Fidilio, Esperta di Finanza Comportamentale e strategie di Debiasing

Facebooktwitterlinkedinmail
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments